Believer

L’ascolto e riascolto mentre lavoro.

Scoperta per caso, mia figlia la usa come colonna sonora della sua seri.

Non riesco a smettere di ascoltarla, in background, mi fa compagnia.

È il 14 Gennaio 2018, nevicava stamani, ho pianto un po’, ma anche sorriso. Tipo quando mio figlio diceva, giocando con i nuovi finti-lego con il suo amico, “Fai qualcosa, fa’ scappare un prigioniero, fagli rapinare una banca!” (cioè, immaginate, un bimbo di nove anni…)

Mi devo ancora riprendere, la questione e’: mi voglio riprendere sì o no? O mi piace crogiolarmi e fare la lagna?

Ho perso un mondo, ma non ci posso fare nulla, devo ficcarmelo in testa. Non era in mio potere fare nulla, solo manifestare la mia volontà, mostrare che da parte mia si poteva.

Quindi smetterla di pensarci è l’unica cosa sensata da fare.

Smetterla di pensare e lavorare, e pensare, invece, a tutte le altre cose che mi sono ripromessa di fare, che mi fanno solo bene. Devo essere io a mettermi al primo posto, che sto ad aspettare gli altri? Non ci posso credere che sono sempre il solito pollo, ripeto sempre gli stessi errori…

….

“I want to stop”

“WE CAN’T”

Advertisements

2 thoughts on “Believer”

Leave a Reply (Moderation ON)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s