Si ricomincia

Insomma, è ricominciato oggi il semestre, e in modo piuttosto massiccio. 

Sei ore di lezione per me oggi.

Molte le facce note dal semestre passato. Probabilmente, si sono trovati bene. Molti li ricordo proprio perché bravi, in gamba.

Stavolta si cambia argomento, elettrostatica e magnetismo. Bello, in realtà. Mi mancava.

A poco a poco ritornano tutte le cose che mi sono piaciute. Non che la meccanica sia brutta, eh, è molto bella. Ma l’elettrostatica e il magnetismo sono anche loro molto affascinanti. La settimana prossima, quando dovrei spiegare il teorema di Gauss, sarò via… che invidia. Lo spiegherà chi mi sostituisce. Il teorema di Gauss è di un’eleganza unica. Uno soffre con gli integrali e la legge di Coulomb (perché io li farò soffrire nella seconda lezione, devono sapere cosa significa…) e poi, con il teorema di Gauss e la simmetria, ecco che ritrova in un lampo le sudate formule trovate con gli integrali.

Insomma, uno dice “Che potenza il teorema di Gauss!!!” e capisce perché è importante (a parte che è equivalente alla legge di Coulomb, anche questa equivalenza è uno dei cardini della storia).

Ripercorrere le basi (meccanica, elettrostatica, magnetismo) dà una carica grandissima. Dà l’idea dello sforzo immane che ci è voluto ad arrivare alle conoscenze attuali… che anche ai bambini insegni gli atomi, gli elettroni, i protoni… che vengono dati per scontati. Invece, quando non si sapeva nulla, era una sfida spiegare i fenomeni naturali. Trovo davvero affascinante ripercorrere il percorso fatto dai “padri” della fisica…

Comunque, non è nemmeno questo che volevo scrivere qui sopra. Anzi, non è solo questo.

È che, anche, sono un po’ contenta.

Una sorta di calore nell’anima.

Non so, non so dire se sia tutta una mera illusione o meno.

Ho tantissime domande ma non ne farò nemmeno una.

Che alla fine, è importante? È davvero importante che io chieda? Che poi lo so, non è detto che la risposta sia totalmente sincera. Dobbiamo lasciare libertà alle persone, soprattutto a quelle importanti. Inoltre, non è nello spirito di come io voglio essere. Io non voglio più essere con l’animo piccolo, non voglio avere paura, non voglio più provare invidia. Io voglio essere fiera di me, voglio avere un animo grande, voglio persone che capiscano il mio valore e che mi accettino, mi amino per quello che sono. Non voglio nessuno che mi voglia fare cambiare, non voglio intrufolarmi nella vita di nessuno senza permesso. Voglio accogliere, e voglio essere accolta, nel caso, non perché mi incuneo dentro da sola, ma perché sono voluta.

È un mistero la vita, e le sue vicende.

Vorrei solo sapere che sto facendo la cosa giusta. Sapere che non sbaglierò. Che non mancherò di tatto. Che davvero quello che penso corrisponde alla realtà.

E, di nuovo, ancora non so com’è che sono arrivata a questo punto.

Non so cosa pensare. A cosa credere. Forse, meglio limitarsi a soppesare gli eventi, e mantenere una condotta prudente. Evitare cadute rovinose. Ma anche, provare a dare fiducia, vedere cosa ne viene fuori.

Essere come sono e continuare a lavorare sodo, ad ampio spettro, per me.

Vediamo come andrà.

 

Advertisements

2 thoughts on “Si ricomincia”

    1. 🙂
      Grazie per la fiducia!
      Podcast per ora no… anche se alcuni studenti ogni tanto fotografano la lavagna… o forse filmano mentre parlo? Spero di no!
      Sai poi come ridono quando faccio sbagli di inglese…

      Like

Leave a Reply (Moderation ON)

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s